System Integrator Magazine

Case Study: a Bolzano Microgate sceglie la tecnologia Vimar (sab, 18 mag 2019)
  Microgate di Bolzano sceglie la tecnologia Vimar per il controllo dei sistemi all’interno di Pro Motus, centro polifunzionale con palestra e laboratorio per test fisici.   Microgate, azienda fondata a Bolzano nel 1989 con l’obiettivo di creare sistemi di cronometraggio sportivo, grazie a continui investimenti in ricerca e sviluppo negli anni ha ampliato costantemente il proprio know-how per affrontare con successo nuove sfide. Particolarmente focalizzata su design e innovazione di prodotto, oggi l’azienda è attiva in quattro settori di sviluppo: Timing, Training & Sport, Medical Rehab ed Engineering e tra i suoi clienti figurano la Federazione Italiana di Atletica Leggera, i più prestigiosi club di calcio europei e le cliniche riabilitative più importanti in Italia e all’estero. Nel 2004 l’azienda ha inoltre dato vita a Micro Photon Devices, una società compartecipata dal Politecnico di Milano. Il primo prodotto di questo spin-off è stato un contatore di fotoni, già acquistato da NASA e MIT – Massachusetts Institute of Technology, che ne hanno immediatamente riconosciuto le grandissime potenzialità di applicazione nell’ambito delle tecnologie biomedicali, industriali e astronomiche. In costante crescita sin dall’inizio, Microgate si è recentemente dotata di un nuovo headquarter. È qui che avviene l’intero processo di sviluppo tecnologico, dalla progettazione alla realizzazione dei prototipi, fino alla produzione. Una quarantina di dipendenti, la maggior parte di cui ingegneri specializzati in diversi rami (elettronica, informatica, aerospaziale) rappresentano il cuore dell’azienda, operando ai confini dell’evoluzione tecnologica e facendo della formazione e della ricerca – a contatto con i più avanzati centri di sviluppo internazionali – due priorità assolute. Uno spazio che ospita anche Pro Motus, il centro che comprende una palestra, un laboratorio per test fisici, degli studi di fisioterapia e un ambulatorio di medicina sportiva. Ed è all’interno di tutti questi spazi che la tecnologia Vimar porta il suo contributo. Per assicurare un controllo impeccabile dell’energia elettrica, sono, infatti, stati scelti i dispositivi della serie Plana, qui incorniciati da placche nella versione in tecnopolimero bianco. Contraddistinta da linee pulite ed essenziali Plana, grazie al suo design senza tempo, si adatta perfettamente a questi ambienti. Che si tratti dei primi due piani (dedicati allo showroom e al magazzino), del terzo (dove si trovano i reparti di ricerca e sviluppo), del quarto (riservato all’amministrazione), o del quinto (dove si trovano la sala congressi e un giardino pensile), Plana si presenta sempre in maniera impeccabile: i suoi dispositivi permettono così di gestire al meglio illuminazione, comfort, risparmio energetico e sicurezza. Illuminazione e comfort perché touch-screen e comandi KNX di Vimar permettono di controllare sia le sorgenti luminose che la movimentazione degli oscuranti, indispensabili in questi ambienti che si caratterizzano per le ampie vetrate affacciate verso l’esterno. Risparmio energetico perché la tecnologia Vimar permette di evitare gli sprechi controllando queste funzioni anche centralmente, da un unico punto, il PC posizionato in centralino. In questo modo l’eventualità che vengano dimenticate luci accese la sera viene scongiurata e di conseguenza ogni spreco evitato. Sicurezza perché, per garantire performance di alto livello nella trasmissione di informazioni, tutti gli uffici sono stati attrezzati con prese dati Vimar, che permettono di trasmettere e ricevere informazioni sia all’interno che all’esterno degli uffici in modo veloce e sicuro. Inoltre, negli ambulatori di Pro Motus, Plana è stata scelta nella versione Antibacterial: placche e frutti sono trattati con ioni d’argento per ridurre la duplicazione di germi e batteri. Un trattamento efficace – certificato da analisi di laboratorio del Dipartimento di Medicina Molecolare dell’Università di Padova – in grado di ridurre di oltre il 90% la proliferazione nell’arco di 24 ore di oltre 50 specie diverse di batteri Pensata come un ambiente adatto a favorire il benessere psico-fisico dei dipendenti e la conseguente qualità del loro lavoro, la nuova sede di Microgate – come spiega l’architetto Martina Biasi – è stata progettata seguendo i più moderni criteri architettonici. Dalla scelta delle tecnologie costruttive impiegate, fino alla ricerca dei materiali e dei cromatismi utilizzati: emerge chiara la volontà di ricercare una piena armonia anche con l’ambiente circostante, in uno scambio continuo tra interno ed esterno. In questi nuovi spazi, dove le pareti divisorie in vetro e il cortile interno conferiscono agli ambienti un aspetto di notevole leggerezza, i dispositivi Plana si inseriscono in modo naturale e discreto.   www.vimar.com   Credits: – Serie civile: Plana con comandi KNX – Progetto Architettonico: arch. Martina Biasi – Area 7 architetti associati, Bolzano – Progettazione impianto: Per. Ind. Gabriele Busellato, StudioBZ – Installazione impianto: Elpo Srl, Brunico  © Photo: Alessandro Gardin   The post Case Study: a Bolzano Microgate sceglie la tecnologia Vimar appeared first on System Integrator Magazine.
>> leggi di più

FAAC ON AIR, con MagicINFO di Samsung entri in un nuovo mondo (Fri, 17 May 2019)
  FAAC ON AIR è la prima porta automatica dotata di display integrato che interagisce con chi vi passa davanti e rivoluziona il digital signage grazie a MagicINFO di Samsung.   L’esperienza di FAAC – leader di mercato nel mondo degli accessi automatici – unita al know-how di Samsung e alla tecnologia della piattaforma MagicINFO, hanno portato alla creazione di ON AIR, il primo ingresso automatico con display multimediale integrato che interagisce con la potenziale clientela. Una porta automatica che garantisce un’elevata sicurezza, che si trasforma in uno strumento di comunicazione per offrire a Retail e GDO di realizzare azioni di marketing di prossimità. ON AIR, un nuovo modo di entrare in negozio Grazie a questa preziosa partnership tra FAAC e Samsung, il digital signage dedicato al retail trova infatti nuove opportunità di business, approfittando dell’unione di due know-how di riferimento. La tecnologia rende semplice ma estremamente efficace il funzionamento di ON AIR. Le telecamere presenti sulla porta permettono di identificare il genere e l’età di chi entra nel negozio. Il dato viene trasmesso al software che, in base a queste informazioni, sceglie i contenuti più adatti da proiettare sui monitor ad alta definizione incorporati nell’ingresso. Immagini e video si rivolgono quindi a una clientela che viene riconosciuta (per età e sesso, appunto), permettendo di selezionare al meglio prodotti e promozioni da proporre a rotazione. Il software MagicINFO 6 di Samsung consente, inoltre, di tenere il conteggio numerico di chi entra, le statistiche di accesso e la tipologia di clienti. In questo modo è possibile analizzare anche i flussi di persone che accedono e verificare le performance di eventuali promozioni o campagne informative attivate. La piattaforma MagicINFO6 può essere controllata sia in locale che da remoto, adattandosi perciò alle più svariate esigenze di comunicazione. Di fondamentale importanza è il fatto che ON AIR non lede in alcun modo la privacy delle persone, poiché le immagini catturate dalle telecamere non vengono mai memorizzate e il software si limita ad attribuire genere ed età presunta, senza che intervenga alcun riconoscimento dell’identità della clientela o dei passanti. Tre vetri per ON AIR Questi aspetti rendono l’ingresso automatico FAAC una soluzione innovativa ed evoluta, a disposizione in particolare del Retail e della GDO, per ampliare la propria clientela e incrementare il fatturato. Installando ON AIR, infatti, si crea un nuovo spazio di comunicazione in cui poter realizzare azioni di marketing di prossimità con le aziende partner o con brand terzi, decidendo in autonomia strategie di business e pubblicitarie. La porta FAAC risulta perciò uno strumento perfetto per centri commerciali, supermercati, agenzie di viaggi, farmacie ma anche per banche, hotel, aeroporti e per tutti i contesti commerciali o logistici ad alta aggregazione di persone. Può essere installato in qualsiasi realtà commerciale perché si integra perfettamente con la struttura architettonica esistente, sia indoor sia outdoor. Dal momento, poi, che i monitor sono incorporati e protetti nella porta, aumenta di conseguenza il livello di sicurezza e protezione degli stessi. I monitor ad alta luminosità e gli speciali doppi vetri anti UV rendono perfetta la visione in ogni situazione di luce, anche in caso di esposizione a luce solare diretta. I vetri possono essere di tre tipologie (neri, trasparenti e a specchio), con serigrafia, anodizzazioni e colori personalizzabili. Infine, ON AIR è perfettamente integrabile con Airslide FAAC, l’unica porta automatica con lama d’aria integrata. Una rivoluzione nel digital signage “Ci siamo chiesti come aiutare a far crescere il retail in tempi di grande espansione dell’e-commerce. Dietro la creazione dell’ingresso ON AIR c’è perciò la volontà di dare vita ad una alleanza con il Retail e la GDO, offrendo qualcosa di veramente innovativo sul mercato degli ingressi automatici” spiega Andrea Zullo, Responsabile Commerciale del settore ingressi e porte automatiche di FAAC. “Se fino ad oggi l’ingresso automatico è stato vissuto dagli esercenti come un costo ora può diventare fonte di guadagno perché grazie ad ON AIR, che sfrutta la posizione più strategica di uno store, si può comunicare con il 100% dei clienti e si possono attivare nuove forme di marketing per far crescere il fatturato. L’investimento può infatti essere monetizzato grazie alla gestione e alla vendita degli spazi di comunicazione che l’ingresso offre. Pensiamo che il prodotto che oggi lanciamo sul mercato supportati da un partner di eccellenza come Samsung possa rappresentare una positiva rivoluzione in molti ambiti commerciali e logistici”.   “La costante crescita della comunicazione digitale tramite display, sia in ambito pubblico sia privato, unita alla capacità di proporre soluzioni sempre più personalizzate, dotate di tutta l’innovazione tecnologica di Samsung, sono alla base della collaborazione con FAAC per la realizzazione di ON AIR” ha poi commentato Stefano Biasi, B2B Business Development Manager di Samsung Electronics Italia. “Grazie all’integrazione di MagicINFO 6, la piattaforma Samsung leader nel settore della gestione remota di hardware, le aziende di ogni settore possono comodamente creare, programmare e trasmettere contenuti su tutta la loro rete di digital signage. Una soluzione personalizzabile che offre alle aziende nuovi modi per creare contenuti che si adattano al loro marchio e alle loro esigenze operative. Una combinazione ideale di flessibilità, affidabilità e facilità d’uso in grado di offrire prestazioni ottimali, riducendo costi e oneri operativi”. www.faac.it   The post FAAC ON AIR, con MagicINFO di Samsung entri in un nuovo mondo appeared first on System Integrator Magazine.
>> leggi di più

Exertis annuncia l’intenzione di acquisire Comm-Tec GmbH (Thu, 16 May 2019)
  Exertis annuncia l’intenzione di acquisire COMM-TEC GmbH, ampliando così notevolmente la propria presenza nei settori dell’AV professionale e delle Smart Technology nell’Europa continentale.   DCC Technology, operante con il nome commerciale di Exertis – importante partner di accesso al mercato e supply chain di numerosi marchi tecnologici a livello mondiale destinati a consumatori, professionisti e aziende – ha annunciato l’acquisizione di COMM-TEC GmbH*, uno dei più grandi distributori di soluzioni AV professionali per i rivenditori e i system integrator di tutta Europa. COMM-TEC GmbH* ha la sua sede principale a est di Stoccarda e nell’ultimo esercizio ha generato ricavi per 90 milioni di euro. Annovera oltre 150 dipendenti tra Germania, Svizzera, Austria, Italia e Spagna e dispone di una struttura di vendita in Europa orientale. Gerry O’Keeffe, Direttore Generale della Divisione Internazionale di Exertis, ha commentato così la notizia: “Il settore audio-video professionale rappresenta una priorità strategica per Exertis, che nasce da una posizione già consolidata in Regno Unito e Irlanda, nei paesi nordici e in Francia, nonché dalle recenti acquisizioni di realtà leader di mercato in America del Nord; COMM-TEC costituisce un investimento fondamentale nella nostra storia di crescita continua. COMM-TEC offre ai clienti e ai fornitori di Exertis una piattaforma europea di prima categoria e, congiuntamente alle soluzioni di Exertis per la supply chain, ci consente di ottenere una copertura globale in questo importante settore in crescita.” “COMM-TEC è specializzata nella fornitura di soluzioni AV professionali a valore aggiunto, ponendo particolare attenzione sull’assistenza tecnica pre e post-vendita per i propri clienti. In tutti i mercati in cui è attiva gode di un’eccellente reputazione. Oltre ad ampliare la nostra presenza nell’Europa continentale, questa acquisizione crea straordinarie opportunità di sinergia con le divisioni di soluzioni AV professionali di Exertis in altri paesi. Grazie all’acquisizione, i nostri clienti avranno a disposizione una gamma più vasta di prodotti e servizi, in linea con le esigenze dei nostri fornitori che sono sempre più spesso alla ricerca di aziende in grado di supportarli nella realizzazione delle loro ambizioni di respiro internazionale nei settori IT e AV professionale.” La gamma di soluzioni AV professionali offerte da COMM-TEC comprende: hardware per presentazioni, digital signage e soluzioni multimediali, gestione del segnale, conferenza e controllo, nonché rack e sistemi di montaggio. L’azienda ha già relazioni commerciali in essere con una vasta gamma di fornitori, tra cui Barco, Brightsign, Chief, Gefen, Middle Atlantic, Newline e QSC. Il gruppo dirigente di COMM-TEC rimarrà in carica dopo il completamento dell’acquisizione e farà riferimento a Eric Bousquet, Direttore Generale della divisione Commerciale di Exertis per l’Europa occidentale.   Comm-Tec diventa di proprietà di Exertis, i commenti Queste le parole di Rainer Sprinzl, Direttore Generale di COMM-TEC: “Per la nostra azienda e i nostri dipendenti si tratta di una grande opportunità per entrare a far parte di un’organizzazione che ha dimostrato chiaramente il proprio desiderio di crescita, sia a livello organico che mediante acquisizioni. D’altro canto anche i nostri clienti e fornitori godranno di diversi vantaggi, grazie al potenziale di ampliamento del nostro portfolio prodotti e dei servizi offerti per soddisfare le esigenze sempre più collaborative degli utenti finali negli ambienti lavorativi di oggi.” Wolfgang Lenz, Fondatore e Direttore generale di COMM-TEC, ha invece commentato: “Nell’arco di più di tre decenni di attività, COMM-TEC è diventata una grande azienda, a testimonianza di tutto il duro lavoro e della dedizione del nostro team. Questa nuova pagina della nostra storia ci offre una straordinaria opportunità per continuare a sviluppare la nostra attività e per trarre vantaggio dalle sinergie che si creeranno proprio grazie all’appartenenza al gruppo Exertis.”   www.comm-tec.it * L’acquisizione è oggetto di approvazione da parte delle autorità competenti in materia di concorrenza, che si prevede verrà erogata entro giugno/luglio; nel frattempo entrambe le aziende continueranno a operare in maniera separata.   The post Exertis annuncia l’intenzione di acquisire Comm-Tec GmbH appeared first on System Integrator Magazine.
>> leggi di più

Biamp Tesira | Certification Training 2019 (Tue, 14 May 2019)
Dopo il grande successo del corso di certificazione Biamp Tesira svoltosi ad aprile presso la sede veneziana di Prase Media Technologies, ne proponiamo un nuovo appuntamento che si terrà il 13 e 14 giugno a Napoli. Il corso si struttura in due giornate, la cui partecipazione, riconosciuta da attestato ufficiale di certificazione Tesira, permetterà ai partecipanti di gestire in autonomia la progettazione e la configurazione di un sistema audio/video networking basato su piattaforma Biamp Tesira. La partecipazione è anche un’occasione di aggiornamento per i professionisti che hanno frequentato le precedenti edizioni del corso e desiderano conoscere i nuovi prodotti della linea Tesira. Il corso sarà tenuto dai trainer certificato Biamp Luca Battistelli, Product Manager Multimedia & Trainer e da Luigi Schiavone, Application Support per Prase Media Technologies. La sede in cui si terrà il corso sarà resa nota e comunicata puntualmente quanto prima.   La partecipazione è completamente gratuita fino ad esaurimento posti. Maggiori info, programma completo e modulo d’iscrizione al link: https://www.prase.it/eventi/tesira-certification-training-napoli/ I prodotti Biamp sono distribuiti in esclusiva per il territorio italiano da Prase Media Technologies. The post Biamp Tesira | Certification Training 2019 appeared first on System Integrator Magazine.
>> leggi di più

Tre nuovi appuntamenti con la formazione Shure, per la prima volta online (Mon, 13 May 2019)
Il ricco programma di formazione Shure si arricchisce di tre nuovi appuntamenti, per la prima volta totalmente digitali. Abbiamo il piacere di segnalare tre webinar dedicati ai professionisti del live, tecnici del suono, musicisti e cantanti che desiderano approfondire e comprendere meglio la tecnologia alla base della leggendaria qualità Shure. Il programma  RF, uno sguardo approfondito su un ambiente molto conteso Ad ogni nuova tecnologia wireless presentata sul mercato, le bande di frequenza disponibili per il funzionamento dei sistemi radiomicrofonici si assottigliano. In questo webinar parleremo dello spettro RF in Italia, come si riflette nel lavoro di professionisti del live e presenteremo le tecnologie nate per fronteggiare un ambiente RF sempre più saturo. Martedì 21 maggio 2019 Dalle ore 16.00 alle 17.00 Iscrizione: http://bit.ly/ShureRF Come scegliere il giusto sistema wireless Scegliere il giusto sistema wireless richiede molto più impegno di una semplice valutazione della frequenza e del suono che si desidera. In questo webinar, i Product Specialist Shure Emanuele Luongo e Ivan Omiciuolo, vi indicheranno i principali parametri che vi guideranno nella scelta del vostro sistema radiomicrofonico. Martedì 4 giugno 2019 Dalle ore 16.00 alle 17.00 Iscrizione: http://bit.ly/sistemawireless Personal Audio Monitor (PSM) Quando è utile scegliere un sistema di monitoraggio personale? Come individuare il modello che risponde alle proprie esigenze? Come configurarlo? In questo webinar i Product Specialist Shure Emanuele Luongo e Ivan Omiciuolo, risponderanno a queste e a molte altre domande sui sistemi di personal monitoring. Martedì 11 giugno 2019 Dalle ore 16.00 alle 17.00 Iscrizione: http://bit.ly/ShurewebinarPSM Tutti i webinar saranno tenuti dai Product Specialist Shure Emanuele Luongo ed Ivan Omiciuolo. I webinar sono gratuiti e aperti a tutti; è sufficiente iscriversi ad ogni appuntamento compilando l’apposito form. Al termine di ogni presentazione ci sarà un momento di interazione con i trainer per chiarire dubbi e per rispondere a tutte le domande sul tema trattato. I prodotti Shure sono distribuiti in esclusiva da Prase Media Technologies. Link utili: Shure Prase Media Technologies The post Tre nuovi appuntamenti con la formazione Shure, per la prima volta online appeared first on System Integrator Magazine.
>> leggi di più

ENTERTAINMENT – Museo Lavazza: a Torino l’installazione interattiva di Acuson (Wed, 08 May 2019)
Tutto il fascino del museo intelligente Nel quartier generale torinese di Lavazza è stata aperta l’anno scorso l’area museale: una spettacolare installazione interattiva, con i componenti audio distribuiti da Audiosales, che offre ai visitatori un inedito viaggio nella storia dell’azienda e del caffè Portare a termine un lavoro dà sempre soddisfazione, ma quando il lavoro è quello compiuto da un installatore e nel suo svolgimento ha richiesto di affrontare e “vincere” delle particolari sfide allora la soddisfazione diventa veramente enorme. Tanto più che il risultato è adesso a disposizione di tutti perché basta entrare in un nuovo e futuribile museo di Torino, non prima di essersi muniti del suo particolarissimo biglietto d’ingresso. Nuvola Lavazza è la sede di oltre 30 mila metri quadrati, dal design avveniristico, che dalla primavera 2018 rappresenta l’headquarter della multinazionale del caffè la cui storia è da sempre radicata nel capoluogo piemontese. Una prestigiosa realizzazione architettonica ed edilizia a cui hanno dato il loro contributo tecnologico Audiosales ed Acuson, il primo distributore di marchi di qualità, il secondo system integrator con soluzioni all’avanguardia. Un intervento, il loro, che si è concentrato soprattutto all’interno di unaparticolare e per certi versi strabiliante struttura che è stata aperta, poco dopo, proprio all’interno della Nuvola, il Museo Lavazza. Progettato dallo studio americano Ralph Appelbaum Associates, questo innovativo museo d’impresa è il frutto di un’intuizione e della volontà di Francesca, Antonella e Manuela Lavazza, la quarta generazione della famiglia, che insieme hanno coordinato il progetto e il gruppo di lavoro con il fine di immergere il visitatore in un viaggio sensoriale ed emotivo nella cultura globale del caffè. In particolare, Francesca ha individuato temi ed elementi centrali nel percorso narrativo, Manuela ha contribuito a sviluppare in modo contemporaneo la progettazione multimediale e interattiva, mentre Antonella ha proposto e seguito lo sviluppo dell’adiacente Archivio Storico, che racchiude la memoria aziendale di oltre 120 anni ed è a sua volta frutto di un complesso iter esplorativo e di ricerca. A testimoniare la modernissima modalità di frequentazione del Museo Lavazza c’è la tazzina di caffè interattiva che viene consegnata al pubblico (da giugno 2018 già 52mila persone) prima dell’inizio del percorso. Un inedito biglietto d’ingresso che rappresenta il fattore fondamentale di coinvolgimento e di personalizzazione dell’esperienza museale, poiché accompagna i visitatori durante l’intero percorso espositivo e offre la possibilità di raccogliere informazioni. Con essa, gli ospiti hanno l’opportunità di scoprire e memorizzare contenuti digitali, anche non immediatamente visibili, per poi poterli riesaminare nell’ultima delle cinque gallerie del Museo, denominata l’Universo. Qui è possibile scorrere e rivedere quanto memorizzato, decidere cosa conservare e, infine, condividere l’esperienza digitale con gli amici sui social media. In particolare, poggiando la tazzina sui piccoli dischi luminosi presenti nelle superfici delle varie postazioni museali, circa 50, il visitatore avvia un’esperienza interattiva. In quest’ambito Acuson ha dovuto di volta in volta individuare il giusto posizionamento dei diffusori ad incasso Martin Audio per garantire la corretta fruizione dei contenuti audio in ambienti per forza di cose caratterizzati da un’elevata rumorosità di fondo. E per farlo è ricorsa anche a soluzioni ingegnose, come nel caso della poltrona d’epoca con altoparlanti integrati che “parla” alla persona comodamente seduta. Il museo, come detto, è suddiviso in 5 gallerie contraddistinte da aspetto e tema specifici. Si inizia con “Casa Lavazza”, uno spazio, intimo ed evocativo, in cui si ripercorrono le tappe principali che hanno segnato gli oltre 120 anni di storia dell’azienda: dalla prima cambiale firmata da Luigi Lavazza fino al caffè bevuto in orbita a bordo della stazione spaziale ISS, grazie alla prima macchina espresso a capsule progettata per lo spazio. “Fabbrica” riporta invece il visitatore al momento della produzione, accompagnandolo alla scoperta delle varie fasi di lavorazione del caffè. Ed ancora, “Atelier” ricorda uno studio fotografico e presenta i 60 anni di collaborazioni creative di Lavazza, con i celebri personaggi e trailer pubblicitari che hanno fatto storia nella nostra televisione. “Piazza” viene descritta come la galleria che “rappresenta la celebrazione iconica del rito del caffè in un ambiente aperto e conviviale”.  Infine, il visitatore giunge nella citata galleria “Universo”, uno spazio quasi onirico, nel quale ci si immerge in una suggestiva proiezione multimediale a 360 gradi. Per gestire a livello sonoro un così alto livello di contenuti interattivi, che devono ovviamente essere fruibili in contemporanea nei vari ambienti museali, l’installatore è ricorso ad un elevato numero di amplificatori multicanale Powersoft, con la possibilità fra l’altro di sfruttare la loro compatibilità con il protocollo di rete Dante che ha semplificato non poco l’interfacciamento con il computer che gestisce il complesso sistema multimediale. POWERSOFT, GLI AMPLIFICATORI MADE IN ITALY A farla da padrone, per quanto riguarda l’amplificazione sonora del Museo Lavazza, ci sono i componenti realizzati da Powersoft, l’azienda fiorentina fondata nel 1995 che in poco tempo si è conquistata una fama internazionale nella produzione di amplificatori di potenza leggeri, ad alta efficienza ed a singola unità rack. In particolare, il modello Quattrocanali 1204 utilizza la tecnologia SRM (acronimo di Smart Rails Management), brevettata, che permette di massimizzare l’efficienza del sistema, in qualunque condizione di carico e d’utilizzo. L’amplificatore offre inoltre una bassa dissipazione termica, eliminando così il bisogno di unità di raffreddamento esterne. Quattrocanali è stato concepito per essere utilizzato con carichi a bassa impedenza (da 2 Ω) e con sistemi distribuiti da 70/100V; è inoltre possibile mischiare i diversi tipi di carico in ogni combinazione. La versione DSP+D, quella utilizzata nel museo torinese, è compatibile con il protocollo di rete Dante e garantisce funzioni di controllo e monitoraggio remoto tramite “ArmoníaPlus”, il software sviluppato da Powersoft che permette di impostare e controllare sistemi audio articolati grazie ad un’interfaccia utente semplice e intuitiva. DIFFUSORI MARTIN AUDIO, IL SUONO SI SENTE MA NON SI VEDE Sebbene sia permeato di suoni in ciascuno dei suoi ambienti, il Museo Lavazza difficilmente concede all’occhio dei numerosi visitatori la visione di un altoparlante. Merito del lavoro compiuto da Acuson con i diffusori ad incasso realizzati dall’inglese Martin Audio. L’installatore ha infatti utilizzato plurimi componenti della serie Ceiling, progettata per offrire performance altrimenti difficili da trovare in un prodotto di questa categoria. In particolare, il diffusore Martin Audio C8.1T è stato specificatamente studiato per soffitti alti, dove la sua capacità di alti livelli SPL e la dispersione controllata a 90° gli consentono di offrire eccellente intelligibilità negli ambienti con maggior riverbero. Presenta un’unità da 8 pollici (200mm) con cono in polipropilene caricato in fibra di carbonio e un tweeter da 1” (25mm) a cupola caricato a tromba, montati l’uno a fianco all’altro per una dispersione ottimale e una controllata risposta fuori asse. Il cabinet (la scocca è in acciaio) è dotato di aperture per aumentare la performance alle basse frequenze e il sistema di montaggio a 5 punti agevola installazioni rapide in sicurezza. A COLLOQUIO CON ALESSANDRO CASTELLANETA – ACUSON Ad accompagnarci nelle sale del Museo Lavazza è stato Alessandro Castellaneta, Project Manager di Acuson, che ci ha illustrato le tappe ed i risvolti di un lavoro di installazione fuori dal comune, per dare vita ad uno dei musei più avveniristici presenti sul territorio italiano System Integrator Magazine – Basta compiere pochi passi nella prima sala del museo per pensare che voi di Acuson siete stati chiamati a svolgere un lavoro davvero particolare. È andata veramente così? Alessandro Castellaneta – In effetti si tratta di un museo altamente tecnologico, estremamente tecnologico, e il visitatore se ne rende subito conto visto che la sua chiave d’accesso per avviare i contenuti audiovideo delle varie postazioni è rappresentata da una tazzina interattiva, un’idea tanto originale quanto geniale visto che stiamo parlando di Lavazza. In pratica, basta appoggiare la tazzina interattiva sulle varie superfici dedicate presenti nelle sale per far partire un’esperienza cognitiva. S.I.M. – In quest’ambito che tipo di intervento avete compiuto per venire incontro alle richieste ad alto contenuto tecnologico da parte del committente? A.C. – Noi di Acuson ci siamo occupati del reperimento e dell’installazione dei componenti audio e video che, mi creda, sono davvero moltissimi e variegati. Componenti che data la natura totalmente interattiva del museo debbono essere gestiti e coordinati da software specifici, per una realizzazione d’insieme che è stata tanto impegnativa quanto stimolante. S.I.M. – Per la parte audio quali componen- ti si sono resi necessari per l’installazione? A.C. – Innanzitutto si è effettuato uno studio dedicato per cercare di ridurre l’inquinamento acustico in un ambiente problematico come quello di un museo, consentendo così al visitatore la corretta fruizione sonora in ogni postazione. Nella maggior parte dei casi sono stati installati dei diffusori a scomparsa, di vario taglio a seconda delle caratteristiche delle varie postazioni interattive. Si trattava, infatti, di “nasconderli” nelle superfici superiori piuttosto che nelle pareti, ma anche di posizionarli in modo particolare, come nel caso di una poltrona “parlante” che racconta al visitatore che ci si accomoda un pezzo di storia della Lavazza… Poi, naturalmente, c’è stato l’intervento a monte con la messa in opera delle varie sezioni di amplificazione al servizio delle postazioni museali. S.I.M. – Per rispondere a queste esigenze vi siete affidati ad un vostro distributore di fiducia, Audiosales. Quali prodotti vi ha fornito? A.C. – Per quanto riguarda i diffusori ad incasso si è deciso di optare per i prodotti di Martin Audio che con la sua articolata serie Ceiling è stata perfettamente in grado di coprire tutte le nostre esigenze. Per l’amplificazione la scelta è ricaduta sui componenti realizzati da un’azienda italiana quale Powersoft. I numerosi amplificatori a quattro canali che abbiamo utilizzato hanno il pregio di coniugare la qualità alla versatilità, grazie anche alla loro compatibilità con il protocollo di rete Dante.   The post ENTERTAINMENT – Museo Lavazza: a Torino l’installazione interattiva di Acuson appeared first on System Integrator Magazine.
>> leggi di più

Barco Certified Specialist: Click Share e wePresent gli immancabili (Tue, 07 May 2019)
Comm-Tec Italia organizza per le giornate del 27 e 28 maggio due giornate di training dedicate al conseguimento della certificazione di Barco Certified Specialist per i sistemi ClickShare e wePresent.   Il 27 e il 28 Maggio, presso la sede Comm-Tec di Faenza, si terranno i training Barco Certified Specialist, corsi specifici di certificazione Barco riguardanti i prodotti ClickShare e wePresent. Un’occasione per approfondire qualsiasi dettaglio sui dispositivi di spicco del mondo Corporate, oltre al conseguimento della relativa certificazione. Durante il pomeriggio del 27, inoltre, ci sarà la possibilità di visitare il Barco Truck, che conterrà al suo interno i migliori dispositivi firmati Barco sul mercato.   Barco wePresent, una spalla per l’educatioal Ideato per il mondo educational, wePresent offre sistemi di presentazione wireless che consentono la condivisione dei contenuti fino ad un massimo di 64 utenti. Programma (27 maggio) mattina – 09:00 – 13:00 A) Introduzione portfolio B) Overview funzionalità  C) Configurazione tecnica dispositivi D) Punti di forza educational G) Confronto competitor   A seguire test di certificazione Pomeriggio – dalle 13 in poi Pranzo a buffet e visita al Barco truck Posti limitati: max 20     Barco ClickShare, più facile collaborare Il sistema di collaborazione wireless ClickShare è la soluzione per il corporate più efficiente e facile da usare; permette con un solo click di condividere le presentazioni sia da dispositivo mobile che da laptop. Programma (28 maggio) mattina – 09:00 – 13:00 A) Introduzione portfolio B) Overview funzionalità (vari modelli) C) Configurazione tecnica dispositivi D) ClickShare Network Integration Pomeriggio:  14:00  – 18:00 A) Wi-Fi Management ClickShare B) Security C) Punti di forza  D) Confronto competitor   A seguire test di certificazione Posti limitati: max 20   https://www.comm-tec.it/content/19-iscrizione-barco-wepresent https://www.comm-tec.it/content/18-iscrizione-barco-clickshare   The post Barco Certified Specialist: Click Share e wePresent gli immancabili appeared first on System Integrator Magazine.
>> leggi di più

LG climatizzazione: i Multi V nell’Hapimag Resort Cavallino di Venezia (Tue, 07 May 2019)
Hapimag Resort Cavallino si affida a LG e ai Multi V Water IV per la climatizzazione degli appartamenti e delle zone comuni, all’insegna di un elevato rendimento energetico.   Le soluzioni di climatizzazione LG installate all’interno dell’Hapimag Resort Cavallino hanno permesso di soddisfare le esigenze del cliente in termini di bassi consumi di energia, elevati rendimenti energetici, flessibilità dell’impianto, manutenzione e controllo da remoto. L’Hapimag Resort Cavallino, situato a Treporti (nei pressi di Venezia), è stato realizzato utilizzando un’ampia gamma di soluzioni LG: dalle soluzioni MULTI V WATER IV, agli Hydro Kit Bassa Temperatura per il riscaldamento e il raffrescamento (con pannelli radianti a pavimento), fino agli Hydro Kit Alta Temperatura per la produzione di acqua calda ad alta temperatura. Cavallino, un gioiello da 16 edifici e 125 alloggi Il Resort, inaugurato a luglio 2018, è costituito da 16 edifici indipendenti di cui 5 caratterizzati da 3 piani fuori terra e i restanti realizzati su unico piano. Questa scelta deriva dalla volontà di riprendere la configurazione ambientale tipica della zona delle dune. Gli edifici sono composti da 125 alloggi di metrature variabili per gli ospiti e lo staff, un ristorante, alcune aree ricreative e delle zone comuni interne ed esterne per gli ospiti. Hapimag è un’associazione di azionisti che mette a disposizione dei suoi soci (circa 130.000 nel mondo) oltre 5.400 appartamenti per vacanze in circa 60 resort nelle località più belle d’Europa, degli Stati Uniti, della Turchia e del Marocco. Il cliente aveva l’esigenza di integrare l’impianto con la tipologia di edifici della struttura, per ottenere bassi consumi di energia ed elevati rendimenti energetici, mantenendo al contempo l’impianto flessibile per rispondere a future modifiche nella distribuzione degli spazi interni, garantire la manutenzione e il controllo da remoto. L’impianto di climatizzazione installato ha capacità nominale in raffrescamento di 1.480 kW, capacità nominale in riscaldamento di 1.630 kW e capacità nominale acqua calda sanitaria di 610 kW. Il sistema include in particolare 44 unità MULTI V WATER IV (da 8 a 14 HP), 34 Hydro Kit a bassa temperatura per riscaldamento e raffrescamento con pannelli radianti a pavimento e 28 Hydro Kit ad alta temperatura per acqua calda sanitaria. Multi V Water, risparmio fino al 30% MULTI V WATER è un’unità VRF con condensazione ad acqua, potente e compatto, progettato per l’installazione in edifici medio-grandi con spazi esterni ridotti. Permette un risparmio fino al 30% rispetto ai sistemi di climatizzazione basati su scambio termico aria-refrigerante. Offre, inoltre, elevata efficienza in tutte le condizioni operative e le sue prestazioni non sono influenzate dalle variazioni di temperatura e umidità esterna. L’installazione è completata dalle unità Hydro Kit che, abbinate ad un sistema VRF MULTI V, forniscono acqua calda sanitaria senza la necessità di installare una caldaia dedicata. Con sistemi di recupero di calore, il riscaldamento e il raffreddamento sono possibili simultaneamente anche durante l’estate. Il sistema produce, infatti, acqua calda sanitaria per i bagni recuperando il calore dalle unità interne che funzionano in modalità raffreddamento. “Siamo molto soddisfatti dell’impianto realizzato per l’Hapimag Resort Cavallino; grazie alle soluzioni installate siamo, infatti, riusciti ad andare incontro alle loro esigenze in termini di bassi consumi di energia ed elevato rendimento energetico. Inoltre grazie alla scelta dei MULTI V WATER è stato possibile inserire le macchine esterne all’interno dei locali tecnici con notevoli benefici anche dal punto di vista estetico”, ha dichiarato Gianluca Figini, Air Solution Director, LG Electronics Italia.   www.lgbusiness.it/climatizzazione   The post LG climatizzazione: i Multi V nell’Hapimag Resort Cavallino di Venezia appeared first on System Integrator Magazine.
>> leggi di più

BROADCAST – Panasonic, il futuro è adesso (Mon, 06 May 2019)
L’AW-UE150 costituisce l’aggiunta più recente alle linee di telecamere PTZ professionali di Panasonic. Dotata di un sensore MOS da un pollice, questa telecamera PTZ supporta... The post BROADCAST – Panasonic, il futuro è adesso appeared first on System Integrator Magazine.
>> leggi di più

Panasonic VMZ, 5 nuovi vpr Laser/LCD (Mon, 06 May 2019)
Panasonic irrompe sul mercato dei vpr “portatili” ad alta luminosità con tre modelli WUXGA (1920x1200), (PT-VMZ60, PT-VMZ50, PTVMZ40 e due modelli WXGA (PT-VMW60 e PT-VMW50). I nuovi arrivati promettono... The post Panasonic VMZ, 5 nuovi vpr Laser/LCD appeared first on System Integrator Magazine.
>> leggi di più